BACCHE DI GINEPRO E RADICI INGOMBRANTI

PASTA ALLE MALERBE

Da sempre attratta dalle malerbe, mi accosto solo ora ad una visione più alchemica delle erbacce. Anni fa acquistavo libri di botanica sistematica e testi di fitoterapia “razionale”, ma solo ora comprendo l’ importanza di andare a monte dell’ argomento. Quindi bisogna trovarsi ad interagire con i veri alchimisti del passato per capire il valore reale della fitoterapia, persone come Agrippa di Nettesheim, Basilio Valentino, Paracelso ed anche Steiner, padre dell’ antroposofia e dell’ agricoltura biodinamica.
Affascinata anche dalla dottrina delle segnature, quella vera, priva di influenze magiche ed investita dall’ autorità divina come scriveva un erborista a suo tempo.
La segnatura, un’ utilità sanzionata divinamente. Si intuiva dalle forme e colori delle piante; la mandragola, con le sue appendici quasi umane adatta a curare sterilità ed impotenza, il noce, il vero archetipo di pianta segnata, la forma del suo guscio atta ad ospitare un gheriglio “cerebrale”.
Se volete una guida davvero valida sulla dottrina delle segnature bisogna andare un pò indietro e rifarsi al testo “Herball, or general Historie of Plants” datato 1597 di John Gerard.
Potrei andare avanti ore con l’ argomento ma direi che ora passo alla ricetta di oggi :), dei fusilli di farro integrale ed ortica con sugo preparato con varie malerbe, taccole e pomodori secchi.

image

image

Ingredienti per due persone:
* 180 grammi fusilli
* cinque o sei pomodori secchi al naturale
* una manciata di foglie di borragine
* una manciata di foglie di silene
* qualche germoglio di luppolo
* qualche foglia di tarassaco
* qualche foglia di piantaggine maggiore
* qualche foglia di lamio porpora (facoltativo! Se non sapete qual’ è….evitate!!)
* una decina di taccole fresche lessate
* aglio fresco
* olio evo
* sale

Mettete in ammollo i pomodori secchi per una decina di minuti in acqua calda.
Preparate un soffritto con olio ed aglio (se preferite usate la cipolla), aggiungete le erbe tagliate grossolanamente. Tagliatele a tocchetti le taccole lessate ed i pomodori essicati, aggiungete il tutto alle erbe.
Lasciate cuocere per una decina di minuti, aggiustate di sale.
Cuocete la pasta ed unitela al condimento.
Per finire spolverata di “farina di mandorle”.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata il 13 aprile 2016 alle 13:26 ed è archiviata in Primi piatti. Aggiungi il permalink ai segnalibri. Segui tutti i commenti qui con il feed RSS di questo articolo.

6 pensieri su “PASTA ALLE MALERBE

  1. mmikele in ha detto:

    🌱🐉🌿 nn ho parole.. ma brividi! 💙💚

    Mi piace

  2. Periodo perfetto questo per dedicarsi alla raccolta delle erbette o erbacce che di si voglia! Ne aprofitto spesso… questa pasta è una delizia!

    Mi piace

  3. interessantissimo!!!! ❤

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: